Neuro- biofeedback

Attraverso una dettagliata conoscenza del proprio corpo, dei suoi punti di forza e delle sue carenze, ciascuno di noi può operare su di sé con un approccio naturale (e senza medicinali) gli opportuni cambiamenti per migliorare la qualità della propria vita.

E’ una tecnica che può venire in aiuto alle persone mostrano, in risposta a situazioni stressanti, un’attivazione anormale che può creare problemi o aggravare disturbi fisici o psicologici già presenti. 

Durante una seduta di Neurobiofeedback il paziente viene fatto accomodare su una poltrona in modo che si rilassi e si senta a suo agio. Davanti a sé ha un computer. Il trainer posiziona dei rilevatori di indicatori corporei (frequenza cardiaca, tensione muscolare, temperatura della pelle, conduttanza cutanea, ritmo respiratorio,…) i quali trasmettono il segnale direttamente al computer. L’obiettivo è quello di modificare il segnale di entrata fino a riportarlo ai valori richiesti grazie al feedback visivo che il paziente ha in riferimento al segnale di uscita. 

Durante il training il paziente impara a controllare e modificare i suoi comportamenti corporei.

Lo psicologo condivide passo a passo il percorso sostenendo la motivazione, verificando i progressi e modulando il training a seconda dei risultati raggiunti. 

Questa tecnica può essere utilizzata con tutte le persone, sia adulti che bambini, sia in situazioni problematiche per risolvere stati disfunzionali sia per potenziare il proprio stato psicofisico e le proprie capacità.

Il training è adatto nei casi di:

  • Ansia, attacchi di panico, fobie
  • Depressione
  • Cefalea
  • Dolore cronico
  • Fibromialgia
  • Tensione muscolare dopo un trauma fisico
  • Riabilitazione muscolare dopo paralisi da danni cerebrovascolari
  • Morbo di Reynaud
  • Incontinenza
  • Deficit attentivo da trauma cranico
  • Insonnia
  • Tic